Dedicato a Matteo Della Bordella, Matteo Bernasconi e Luca Schiera. Ma soprattutto al coro di invidiosi!

“Paolooooo…”
“Si, Marioooooo!”
“molla tutto, sono in sosta”
“ok, parto, non serve che recuperi, a me il lasco da più stimolo”
“bravo! Tu si che sei un uomo, ah, se ci fosse il Miro con noi…”

45286_10151275147106587_1044133137_n

Patagonia, 34 agosto 2014, Sabedì.

Tempo clemente come al solito, le primule disturbano un po’ le fessure e le cengette. Le cince svolazzano sfruttando le brezze termiche della parete per catturare gli insetti.
La cordata più forte d’Europa sta affrontando one push, in giornata, con partenza in bici da Orio al Serio la torre Egger per il suo versante meno esplorato.
Mario si è allenato percorrendo il “pesce” slegato, con gli scarponi da sci in salita, e con gli sci ai pedi in discesa! Ovviamente per motivi etici li aveva nello zaino anche in salita.
Paolo per non essere da meno ha tentato il Grand Capucin in salita e in discesa coi Rollerblade calzati. Anche lui slegato. Ovviamente.
Hansjorg Auer nel frattempo è diventato un apicultore depresso, e la ditta che lo sponsorizza ha una bancarella al mercato…
“veloce, che se no non ce la danno buona, potremmo andare in conserva!?! È solo 7a e A3”
“giusto!!!” gli risponde Paolo, pensando che non c’è più la mezza stagione.
D’altronde sono partiti alle 5 di stamattina da Orio, e per motivi etici i due vogliono raggiungere la vetta in stile “clean” e quindi riunirsi coi parenti per cena, che c’è il compleanno della Marta (la nipote di Paolo) in un ristorante a Jerago con Orago.
E così, mentre Paolo partiva piazzando un C3 “triplo zero” come unica protezione, Mario giuntava le corde per avere una conserva più lunga e cominciare a scendere quando all’altro mancano ancora 2 tiri!
Il resto è storia.
Manco a dirlo Mario e Paolo non scalano più. Nel 2015, un sabato di venerdì sera hanno fatto l’Eiger in 6 minuti con maschera, pinne e boccaglio. Dalla montagna non hanno più stimoli, adesso sono autori di premiate serie televisive come “master chef over 80”. Matteo della Bordella si è ritirato con Didier Berthod. Il Reinhold nazionale dopo l’exploit dell’Eiger è impazzito e ha dato fuoco al Messner Mountain Museum urlando “ein zwei trei.. tiroler volkspartei… tirol tirol tirol… la merda fino al col…”. La gente comune scala sul 6c slegata.
Mi sfugge l’occhio sul giornale di mercolenica, ah, già! Paolo Brosio è il nuovo presidente della Repubblica, chi l’avrebbe mai detto? Come sempre di alpinismo sui giornali non si parla. Poveri Paolo e Mario.

Dedicato a chi rode d’invidia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...